العربية简体中文NederlandsEnglishFrançaisDeutschItaliano日本語PortuguêsРусскийEspañol
menù

(+39) 081 552.31.48

contatti@arteferrigno.it

Via san Gregorio Armeno, 8 - 80128 Napoli ITALY

38 cm

    • Pescivendolo

      250,00600,00

      I pastori della tradizione napoletana

      I pastori di Marco e Giuseppe Ferrigno sono vere e proprie opere d’arte, sculture rifinite nei minimi dettagli tali da renderli perfetti oggetti da salotto, pur nel rispetto e nella funzionalità del tradizionale presepe devozionale. La bottega oggi è espressione  di un pezzo di anima antica della città, conservando intatta la più alta tradizione napoletana del presepe settecentesco.

    • Re Mago

      300,00900,00

      I Re Magi

      I Re Magi sono rappresentati nell’arte sin dai primi secoli cristiani. Dall’Oriente giungono i Re Magi portando 3 doni che sono l’oro, l’incenso e la mirra, che nel simbolismo rappresentano la regalità, la divinità e l’umanità del bambino. Magi è la traslitterazione del termine Persiano antico magūsh ed è un titolo che fa riferimento ai sacerdoti e astrologi dell’Impero Persiano. 

      I tre re pagani vennero chiamati Magi non perché fossero particolarmente propensi nelle arti magiche, ma per la loro grande competenza nella disciplina dell’astrologia.

      I pastori di Marco e Giuseppe Ferrigno sono vere e proprie opere d’arte, sculture rifinite nei minimi dettagli tali da renderli perfetti oggetti da salotto, pur nel rispetto e nella funzionalità del tradizionale presepe devozionale. La bottega oggi è espressione  di un pezzo di anima antica della città, conservando intatta la più alta tradizione napoletana del presepe settecentesco.

    • Venditore di Spighe

      250,00400,00

      Il personaggio

      Il venditore di pannocchie nel presepe napoletano è il simbolo dell’abbondanza terrena e della prosperità per colui che la riceve e rappresenta il mese di Agosto. Ha lo stesso significato di abbondanza di Donna Carmela. I venditori di cibo sono sempre dodici in quanto sono l’allegoria dei dodici mesi dell’anno.

      I pastori di Marco e Giuseppe Ferrigno sono vere e proprie opere d’arte, sculture rifinite nei minimi dettagli tali da renderli perfetti oggetti da salotto, pur nel rispetto e nella funzionalità del tradizionale presepe devozionale. La bottega oggi è espressione  di un pezzo di anima antica della città, conservando intatta la più alta tradizione napoletana del presepe settecentesco.

    • Cacciatore

      250,00700,00

      Il personaggio

      Il cacciatore è uno dei personaggi fondamentali nel presepe napoletano e ciò che fa nascere spesso perplessità è proprio la presenza di questa figura dedito alla violenza (fucile) in uno scenario di pace quale la celebrazione della nascita di Gesù. Il cacciatore, così come la figura del pescatore, è un personaggio legato al fiume: Il pescatore è posto nella parte bassa del corso d’acqua con la canna da pesca e rappresenta la vita. Il cacciatore, invece, sta nella parte alta del corso d’acqua mentre imbraccia un fucile: rappresenta la morte. Insieme simboleggiano il ciclo della vita e la dualità del mondo celeste e di quello dell’Ade.

       

      I pastori di Marco e Giuseppe Ferrigno sono vere e proprie opere d’arte, sculture rifinite nei minimi dettagli tali da renderli perfetti oggetti da salotto, pur nel rispetto e nella funzionalità del tradizionale presepe devozionale. La bottega oggi è espressione  di un pezzo di anima antica della città, conservando intatta la più alta tradizione napoletana del presepe settecentesco.

    • Castagnara con banchetto

      400,00700,00

      Il personaggio

      La castagnara è la venditrice di castagne all’interno del presepe napoletano e rappresenta, in relazione alla sua attività lavorativa con il periodo calendariale in cui essa si svolge, il mese di Novembre.

      I pastori di Marco e Giuseppe Ferrigno sono vere e proprie opere d’arte, sculture rifinite nei minimi dettagli tali da renderli perfetti oggetti da salotto, pur nel rispetto e nella funzionalità del tradizionale presepe devozionale. La bottega oggi è espressione  di un pezzo di anima antica della città, conservando intatta la più alta tradizione napoletana del presepe settecentesco.

    • Pulcinella Suonatore di Mandolino

      150,00200,00

      I pastori della tradizione napoletana: Pulcinella

      Pulcinella suonatore di mandolino seduto su botte in terracotta policroma, presenta le seguenti caratteristiche:

      • Occhi di cristallo
      • Corpo in stoppa
      • Abiti in seta di San Leucio
      • Strumento in legno con scritta “Ferrigno”
      • Altezza cm. 38

      Marco e Giuseppe Ferrigno dal 1836, artigiani della terracotta napoletana.

    • Angelo

      350,00600,00

      Gli Angeli

      Nel presepe napoletano è fondamentale la presenza di tre angeli sopra la grotta: al centro l’angelo chiamato Gloria del Padre che tra le mani tiene una pergamena con scritto Gloria, e rappresenta gli angeli che intonano il canto ai pastori; a destra l’angelo Gloria del Figlio che tiene tra le mani l’incensiere e a sinistra l’angelo Gloria dello Spirito Santo che suona la tromba.

      I pastori di Marco e Giuseppe Ferrigno sono vere e proprie opere d’arte, sculture rifinite nei minimi dettagli tali da renderli perfetti oggetti da salotto, pur nel rispetto e nella funzionalità del tradizionale presepe devozionale. La bottega oggi è espressione  di un pezzo di anima antica della città, conservando intatta la più alta tradizione napoletana del presepe settecentesco.

    • Lo Zampognaro

      250,00600,00

      Gli Zampognari

      Gli zampognari si trovano sempre ai lati della coppia divina. Lo zampognaro è sempre un vecchietto, a differenza del Ciaramellaio, anch’esso elemento fondamentale del Presepe Napoletano.

      Il termine zampognaro sta ad indicare “coloro che suonano la zampogna”, e le origini risalgono  a fine Settecento, con la nascita del canto “Tu scendi dalle stelle”. Questo canto natalizio è stato composto nel Dicembre del 1754 a Nola,  dal vescovo (successivamente proclamato santo) Alfonso Maria de’ Liguori. Questo canto altro non è che la versione italiana dell’originale, creato pochi giorni prima, della canzone “Quanno Nascette Ninno”.

      I pastori di Marco e Giuseppe Ferrigno sono vere e proprie opere d’arte, sculture rifinite nei minimi dettagli tali da renderli perfetti oggetti da salotto, pur nel rispetto e nella funzionalità del tradizionale presepe devozionale. La bottega oggi è espressione  di un pezzo di anima antica della città, conservando intatta la più alta tradizione napoletana del presepe settecentesco.

    • Benino

      250,00600,00

      I pastori della tradizione napoletana: Benino

      Pastore Benino in terracotta policroma, presenta le seguenti caratteristiche:

      • occhi di cristallo
      • arti in legno
      • corpo in stoppa
      • abiti in seta di San Leucio

      Marco e Giuseppe Ferrigno dal 1836, artigiani della terracotta napoletana.

    • Venditrice di frutta

      250,00600,00

      La Fruttivendola

      La fruttivendola è un personaggio fondamentale all’interno del presepe napoletano del 700 che, nelle cui ceste in vimine intrecciate mostra ricche pigne d’uva, pannocchie, melograni, prodotti non invernali ma dal significato augurale di ricchezza e abbondanza, soprattutto se l’intera composizione viene letta in relazione all’arrivo del nuovo anno. Forte, nella realizzazione di questo pastore, è la rappresentazione delle seicentesce nature morte.

      La fruttivendola può essere un perfetto regalo, come augurio di buona fortuna e di successo.

      I pastori della tradizione napoletana

      I pastori di Marco e Giuseppe Ferrigno sono vere e proprie opere d’arte, sculture rifinite nei minimi dettagli tali da renderli perfetti oggetti da salotto, pur nel rispetto e nella funzionalità del tradizionale presepe devozionale. La bottega oggi è espressione  di un pezzo di anima antica della città, conservando intatta la più alta tradizione napoletana del presepe settecentesco.

    • Macellaio

      450,001.000,00

      I venditori nel presepe napoletano del ‘700

      I venditori nel presepe napoletano sono sempre dodici in quanto rappresentano l’allegoria dei dodici mesi dell’anno. Per ogni mese quindi un venditore. Gennaio è rappresentato dal macellaio o salumiere; Febbraio: dal venditore di ricotta e di formaggio; Marzo dal pollivendolo e venditore di altri uccelli; Aprile dal venditore di uova; Maggio dalla coppia di sposi con cesto di ciliegie e di frutta; Giugno dal panettiere; Luglio in genere dal venditore di pomodori; Agosto dal venditore di anguria; Settembre dal venditore di fichi o di pannocchie; Ottobre dal vinaio o cacciatore; Novembre dal venditore di castagne; Dicembre dal pescivendolo o pescatore.

      I pastori

      Tutti i pastori di Marco e Giuseppe Ferrigno sono considerati vere e proprie opere d’arte, con dettagli e rifiniture pregiate tali da renderli oggetti da salotto, pur nella funzionalità e nel rispetto del tradizionale presepe devozionale.

    • Pulcinella Sfratto in Terracotta

      250,00

      I pastori della tradizione napoletana: Pulcinella

      Pulcinella sfratto realizzato completamente in terracotta policroma, presenta le seguenti caratteristiche:

      • Occhi di cristallo
      • Corpo in stoppa
      • Abiti in seta di San Leucio
      • Pentola inchiodata in ferro
      • Strumento musicale in legno con scritta “Ferrigno”
      • Altezza cm. 38

      Marco e Giuseppe Ferrigno dal 1836, artigiani della terracotta napoletana.

    Start typing and press Enter to search

    Shopping Cart

    Nessun prodotto nel carrello.