العربية简体中文NederlandsEnglishFrançaisDeutschItaliano日本語PortuguêsРусскийEspañol
menù

(+39) 081 552.31.48

contatti@arteferrigno.it

Via san Gregorio Armeno, 8 - 80128 Napoli ITALY

38 cm

    • Natività cm 40

      2.000,00

      La natività della tradizione napoletana

      Natività in terracotta policroma, con le seguenti caratteristiche:

      • occhi di cristallo
      • arti in legno
      • corpo in stoppa
      • abiti in seta di San Leucio
      • Base oro foglia
      • Abiti con ricami in filigrana d’oro zecchino
      • Bambinello in legno o in terracotta

      Queste natività sono edizioni limitate ed ognuna rappresenta un pezzo unico da collezione, il cui valore aumenta nel tempo. L’immagine è puramente indicativa, il prodotto potrebbe avere piccole variazioni nei dettagli e nei particolari dei pastori.
      Marco e Giuseppe Ferrigno dal 1836, artigiani della terracotta napoletana.

    • Natività cm 40

      2.000,00

      La natività della tradizione napoletana

      Natività in terracotta policroma, con le seguenti caratteristiche:

      • occhi di cristallo
      • arti in legno
      • corpo in stoppa
      • abiti in seta di San Leucio
      • Base oro foglia
      • Abiti con ricami in filigrana d’oro zecchino
      • Bambinello in legno o in terracotta

      Queste natività sono edizioni limitate ed ognuna rappresenta un pezzo unico da collezione, il cui valore aumenta nel tempo. L’immagine è puramente indicativa, il prodotto potrebbe avere piccole variazioni nei dettagli e nei particolari dei pastori.
      Marco e Giuseppe Ferrigno dal 1836, artigiani della terracotta napoletana.

    • Pulcinella Mangiatore di Maccheroni

      200,00

      I pastori della tradizione napoletana: Pulcinella

      Pulcinella mangiatore di maccheroni realizzato completamente in terracotta policroma, presenta le seguenti caratteristiche:

      • Occhi di cristallo
      • Corpo in stoppa
      • Abiti in seta di San Leucio
      • Botte in legno
      • Altezza cm. 38

      Marco e Giuseppe Ferrigno dal 1836, artigiani della terracotta napoletana.

    • Sciò Sciò Lemocò

      500,00

      Sciò Sciò Lemocò

      Lo Sciò Sciò Lemocò presenta le seguenti caratteristiche:

      • Testa, mani e piedi in terracotta
      • Dipinto a mano
      • Abiti in seta di San Leucio
      • Aglio sul cappello e ferro di cavallo bagnato in argento
      • L0 Sciò Sciò è completo di accessori bagnati in argento, strumenti in legno, ombrello

      Il prodotto è realizzato artigianalmente, la foto è puramente indicativa e il prodotto potrebbe avere variazioni nei colori delle sete. Tempi di consegna 14 giorni lavorativi.

      Marco e Giuseppe Ferrigno dal 1836, artigiani della terracotta napoletana.

    • Pulcinella Suonatore di Calascione

      400,00

      I pastori della tradizione napoletana: Pulcinella

      Pulcinella suonatore di calascione seduto su botte in terracotta policroma, presenta le seguenti caratteristiche:

      • Occhi di cristallo
      • Arti in legno
      • Corpo in stoppa
      • Abiti in seta di San Leucio
      • Strumento in legno con scritta “Ferrigno”
      • Altezza cm. 38

      Marco e Giuseppe Ferrigno dal 1836, artigiani della terracotta napoletana.

    • Pulcinella Sfratto Varie Versioni

      150,00300,00

      I pastori della tradizione napoletana: Pulcinella

      Pulcinella sfratto in terracotta policroma, presenta le seguenti caratteristiche:

      • Occhi di cristallo
      • Arti in legno
      • Corpo in stoppa
      • Abiti in seta di San Leucio
      • Altezza cm. 38

      Marco e Giuseppe Ferrigno dal 1836, artigiani della terracotta napoletana.

    • Pulcinella sfratto

      400,00

      I pastori della tradizione napoletana: Pulcinella

      Pulcinella sfratto in terracotta policroma, presenta le seguenti caratteristiche:

      • Occhi di cristallo
      • Arti in legno
      • Corpo in stoppa
      • Abiti in seta di San Leucio
      • Altezza cm. 38

      Marco e Giuseppe Ferrigno dal 1836, artigiani della terracotta napoletana.

    • Eduardo de Filippo

      350,00

      Eduardo De Filippo

      “L’uomo non è cattivo, ha solo paura di essere buono”.

      Eduardo De Filippo è stato un autore teatrale, attore e regista ed è oggi ricordato come una delle figure più importanti del teatro italiano del Novecento. Nel lontano 1954 inaugurò a Napoli il teatro San Ferdinando, che venne poi distrutto dalla guerra e ricostruito completamente a sue spese per far rivivere a Napoli non solo le tradizioni, ma anche tutta la bellezza e l’arte del teatro napoletano.

      I pastori di Marco e Giuseppe Ferrigno sono vere e proprie opere d’arte, sculture rifinite nei minimi dettagli tali da renderli perfetti oggetti da salotto, pur nel rispetto e nella funzionalità del tradizionale presepe devozionale. La bottega oggi è espressione  di un pezzo di anima antica della città, conservando intatta la più alta tradizione napoletana del presepe settecentesco.

    • Cartomante

      400,00600,00

      Cartomante

      La cartomante è una figura affascinante e nella città di Napoli è una vera e propria professione. I napoletani sono da sempre un popolo affascinato dal mondo dell’occulto e dall’arte divinatoria, in cui intuito e sensibilità sono le doti fondamentali per interpretare i segni e i simboli nelle carte dei tarocchi.

      I Pastori

      I pastori di Marco e Giuseppe Ferrigno sono vere e proprie opere d’arte, sculture rifinite nei minimi dettagli tali da renderli perfetti oggetti da salotto, pur nel rispetto e nella funzionalità del tradizionale presepe devozionale. La bottega oggi è espressione  di un pezzo di anima antica della città, conservando intatta la più alta tradizione napoletana del presepe settecentesco.

    • Pescivendolo

      250,00600,00

      I pastori della tradizione napoletana

      I pastori di Marco e Giuseppe Ferrigno sono vere e proprie opere d’arte, sculture rifinite nei minimi dettagli tali da renderli perfetti oggetti da salotto, pur nel rispetto e nella funzionalità del tradizionale presepe devozionale. La bottega oggi è espressione  di un pezzo di anima antica della città, conservando intatta la più alta tradizione napoletana del presepe settecentesco.

    • Scena della Tombola

      1.500,003.000,00

      Scena della Tombola

      La scena della tombola nasce dal fatto che a Natale il gioco più in voga in tutte le famiglie è la tombolata. La tombolata rappresenta una scena familiare e quotidiana del giorno di natale, aggregazione, gioco, spensieratezza e soprattutto pietanze napoletane quali ad esempio pastiere, insalata di rinforzo, rococò, raffioli e tanto vino.

      I Pastori di Marco e Giuseppe Ferrigno

      I pastori di Marco e Giuseppe Ferrigno sono vere e proprie opere d’arte, sculture rifinite nei minimi dettagli tali da renderli perfetti oggetti da salotto, pur nel rispetto e nella funzionalità del tradizionale presepe devozionale. La bottega oggi è espressione  di un pezzo di anima antica della città, conservando intatta la più alta tradizione napoletana del presepe settecentesco.

    • Zampognaro

      400,00600,00

      Gli Zampognari

      Gli zampognari si trovano sempre ai lati della coppia divina. Lo zampognaro è sempre un vecchietto, a differenza del Ciaramellaio, anch’esso elemento fondamentale del Presepe Napoletano.

      Il termine zampognaro sta ad indicare “coloro che suonano la zampogna”, e le origini risalgono  a fine Settecento, con la nascita del canto “Tu scendi dalle stelle”. Questo canto natalizio è stato composto nel Dicembre del 1754 a Nola,  dal vescovo (successivamente proclamato santo) Alfonso Maria de’ Liguori. Questo canto altro non è che la versione italiana dell’originale, creato pochi giorni prima, della canzone “Quanno Nascette Ninno”.

      I pastori

      I pastori di Marco e Giuseppe Ferrigno sono vere e proprie opere d’arte, sculture rifinite nei minimi dettagli tali da renderli perfetti oggetti da salotto, pur nel rispetto e nella funzionalità del tradizionale presepe devozionale. La bottega oggi è espressione  di un pezzo di anima antica della città, conservando intatta la più alta tradizione napoletana del presepe settecentesco.

    • Pulcicorno cm.38

      350,00

      Pulcinella

      Pulcinella rappresenta la napoletanità, questa maschera così rappresentata indica il modo di agire del popolo napoletano. Pulcinella quindi è il simbolo dell’uomo che cerca di affrontare i suoi problemi, ma rappresenta anche tutti i sentimenti positivi della cultura partenopea. Le sue origini sono antiche: è apparsa per la prima volta nel lontano 1300, quando il suo nome stava per “piccolo pulcino” e indicava una persona negligente e perditempo.

      I pastori di Marco e Giuseppe Ferrigno sono vere e proprie opere d’arte, sculture rifinite nei minimi dettagli tali da renderli perfetti oggetti da salotto, pur nel rispetto e nella funzionalità del tradizionale presepe devozionale. La bottega oggi è espressione  di un pezzo di anima antica della città, conservando intatta la più alta tradizione napoletana del presepe settecentesco.

    • Totò Le Mokò 38 cm

      500,00

      Totò

      “Signori si nasce e io lo nacqui, modestamente!” Totò dal Film “Signori si nasce”.

      Totò, pseudonimo Antonio de Curtis nacque a Napoli il 15 febbraio 1898 nel famoso Rione Sanità ed è stato un attore, commediografo, poeta e sceneggiatore italiano. Totò è stato anche soprannominato «il principe della risata», un attore sempre felice, dall’animo buono le cui sue gag hanno fatto ridere intere generazioni. Passano gli anni ma ancora rimane nel cuore dei napoletani, come se fosse un pezzo sacro di questa nostra bellissima città.

      I pastori di Marco e Giuseppe Ferrigno sono vere e proprie opere d’arte, sculture rifinite nei minimi dettagli tali da renderli perfetti oggetti da salotto, pur nel rispetto e nella funzionalità del tradizionale presepe devozionale. La bottega oggi è espressione  di un pezzo di anima antica della città, conservando intatta la più alta tradizione napoletana del presepe settecentesco.

    • Cavallo per Re Mago in legno

      300,001.000,00

      I Re Magi

      I Re Magi sono rappresentati nell’arte sin dai primi secoli cristiani. Dall’Oriente giungono i Re Magi portando 3 doni che sono l’oro, l’incenso e la mirra, che nel simbolismo rappresentano la regalità, la divinità e l’umanità del bambino. Magi è la traslitterazione del termine Persiano antico magūsh ed è un titolo che fa riferimento ai sacerdoti e astrologi dell’Impero Persiano. 

      I tre re pagani vennero chiamati Magi non perché fossero particolarmente propensi nelle arti magiche, ma per la loro grande competenza nella disciplina dell’astrologia.

      I pastori di Marco e Giuseppe Ferrigno sono vere e proprie opere d’arte, sculture rifinite nei minimi dettagli tali da renderli perfetti oggetti da salotto, pur nel rispetto e nella funzionalità del tradizionale presepe devozionale. La bottega oggi è espressione  di un pezzo di anima antica della città, conservando intatta la più alta tradizione napoletana del presepe settecentesco.

    Start typing and press Enter to search

    Shopping Cart

    Nessun prodotto nel carrello.