العربية简体中文NederlandsEnglishFrançaisDeutschItaliano日本語PortuguêsРусскийEspañol
menù

(+39) 081 552.31.48

contatti@arteferrigno.it

Via san Gregorio Armeno, 8 - 80128 Napoli ITALY

Le origini della maschera di Pulcinella

Le origini della maschera di Pulcinella

La maschera di Pulcinella ha da sempre affascinato ed ispirato molte persone per il suo carattere ambiguo e controverso.

Pulcinella rappresenta la napoletanità e, più in generale, rappresenta il modo di agire del popolo napoletano. Pulcinella quindi è il simbolo dell’uomo che cerca di affrontare i suoi problemi, ma rappresenta anche tutti i sentimenti positivi della cultura partenopea. Scopriamo assieme quando ha fatto la sua prima comparsa.

Origini di Pulcinella

Le origini di Pulcinella sono antiche: questo personaggio è apparso per la prima volta nel lontano 1300, quando il suo nome stava ad indicare un  “piccolo pulcino” e più precisamente, una persona negligente e perditempo. Questa maschera della commedia la vediamo anche nel teatro dei burattini nel  XVII secolo: il suo costume era tipico dei contadini della città di Acerra, vicino Napoli, e il suo antenato era Macchus, un personaggio buffone della farsa atellana ( la commedia latina così chiamata perchè era originaria di Atella – oggi Aversa). Oggi al Museo del Louvre è presente una statuetta di Macchus con le sembianze di Pulcinella: la schiena ha una gobba, il corpo una pancia prominente e un grande naso ad uncino.

L’origine rurale della maschera è ben consolidata e la sua personalità si è subito diffusa nei quartieri popolari di Napoli. La maschera di Pulcinella è apparsa anche in alcuni dipinti del settecento, addirittura sotto sembianze femminili.

Il carattere contraddittorio e mascalzone di Pulcinella, ha da sempre affascinato, a tratti questo suo comportamento trasgressivo è stato associato anche alla figura del Diavolo. pulcinella è un trasformista, riesce ad assumere diversi ruoli pur di raggiungere i suoi obiettivi, sena mai perdere la sua identità populista.

L’insolenza e la diavoleria di Pulcinella sono anche bilanciate dalle qualità di un generoso salvatore al servizio del bene superiore. Questo tratto caratteriale lo vediamo emergere nelle “Pulcinellate” del teatro dei burattini a partire dal XVIII secolo.

Gli inventori di Pulcinella

Dopo Silvio Fiorillo, che fu, a quanto pare, l’inventore di questa maschera alla fine del XVI secolo, fu Andrea Calcese (detto Ciuccio) a svolgere il ruolo per la prima volta in un vero e proprio teatro alla fine delle festività carnevalesca a Napoli, il 16 aprile 1618. In seguito la maschera di Pulcinella fece la sua comparsa a Napoli a metà del XVII secolo, mantenendo la sua mezza maschera nera, la sua ampia camicia e la sua calotta bianca, ma più frequentemente privata della sua gobba. Nasce così la tradizione napoletana della guarattelle – come vengono chiamate le opere di Pulcinella – una tradizione che sopravvive ancora oggi.

A volte prima degli animatori itineranti alle fiere di mercato, Pulcinella emigrò prima in Italia, a Roma (dal 1620 in poi), in Emilia-Romagna e a Venezia, dove la sua popolarità in Piazza San Marco fu così grande che ispirò burattini omonimo chiamati puricinei. In ogni caso, Pulcinella si è adattato al suo nuovo ambiente e alla sua lingua locale. Allo stesso tempo stava diventando popolare in Europa.

Mentre la commedia dell’arte cominciava a svanire entro la fine del XVIII secolo, il personaggio di Pulcinella fu conservato grazie al lavoro dei burattinai. A Napoli Pulcinella comparve in piazze pubbliche come largo di Castello, e divenne protagonista del teatro San Carlino tra il 1822 e il 1876. A Roma invece apparve  come burattino guanto in Piazza Navona prima di trasferirsi nei giardini del Pincio.

Venne anche presentato come un burattino d’archi nei teatri privati di marionette e al Teatro Fiano di Roma, e comparve anche all’interno di racconti cavallereschi basati sulle opere di Ludovico Ariosto (1474-1533) e Matteo Maria Boiardo (1434/41-1494).

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart

Nessun prodotto nel carrello.